Un mostro in giardino

Autore: Vivien Alcock
Data di pubblicazione: 1988
Editore: Mondadori, 1992
Formato: Paperback, 141 pag.

Inizio lettura: 07 agosto 2013
Fine lettura: 08 settembre 2013
Lettura n.: 34/2013
Il mio voto: ★★★☆☆

Non avrei dovuto farlo. Non era mia intenzione, ma naturalmente questa non è una scusante. Avrei dovuto immaginarlo, con un nome come il mio. Frances Stein. Frankie per gli amici.

Mi stavo quasi dimenticando di aver letto anche questo libriccino quest’estate. Frances Stein, chiamata Frankenstein dai compagni di scuola, è l’unica femmina di una famiglia composta interamente da maschi. Il padre, un brillante scienziato sempre assorbito dal suo lavoro, non ha il tempo né le capacità di dedicarsi a questa ragazzina che non sa come prendere e così Frankie vive la sua vita sostanzialmene ignorata da padre e fratelli. Un giorno, inspiegabilmente, da uno scarto di laboratorio del padre nasce una creatura sconosciuta, un mostriciattolo gelatinoso e verde. Passata la paura, Frankie decide di prendersi cura del mostro da lei creato, ma le difficoltà aumentano vertiginosamente con il passare del tempo: Monnie, infatti, cresce sempre di più e tenerlo nascosto diventa davvero un problema.

In questi anni la Mondadori Junior ha pubblicato racconti per ragazzi che sono uno più bello dell’altro: “Un mostro in giardino” non fa eccezione, perché la storia è davvero simpatica e coinvolgente, senza contare che mi sono innamorata perdutamente del tenerissimo mostriciattolo protagonista… dolcissimo! Sono sicura che qualsiasi bambino amante degli animali leggendo il racconto non possa fare a meno di immedesimarsi nella protagonista, Frankie, e di rimanere coinvolto nei suoi disperati tentativi di proteggere il “suo” mostro; specialmente la sequenza finale fa tantissima tenerezza. Il bello, in più, è che questa storia mi sembra decisamente “unisex”, ovvero può piacere moltissimo a lettori e lettrici senza distinzioni (quindi, ottimo libro che una maestra può far circolare in classe o leggere ad alta voce, catturando l’interesse di tutti).

Rispondi