UN INCANTEVOLE APRILE, Elizabeth Von Arnim

E’ una piovosa giornata londinese e Mrs Wilkins scorge sul giornale l’annuncio per l’affitto di un castello in Liguria durante il mese di Aprile: consapevole di non potersi permettere la cifra richiesta si unisce ad altre tre donne (Mrs Arbuthnot, Mrs Fisher e Lady Caroline) per dividere la somma e trascorrere un mese di vacanza lontano da tutti. Ciascuna di loro parte per fuggire da qualcuno o da qualcosa con la speranza di potersi riposare e dimenticare per un po’ i propri crucci.

Ad essere onesta, mi aspettavo qualcosa di completamente diverso: ero convinta di trovare in questo romanzo un vero e proprio viaggio per la Liguria, in esplorazione dei suoi colori e dei meravigliosi paesaggi costieri che regala ai suoi visitatori; in realtà le quattro protagoniste trascorrono l’intero mese chiuse nel castello che hanno deciso di affittare, a fare esattamente ciò che si erano ripromesse di evitare (non per colpa loro, di questo bisogna dargliene atto). Pensavo inoltre di trovarmi di fronte ad un romanzo alla Jane Austen, con amori, pettegolezzi e avventure sentimentali condite con un po’ di ironia e critica sociale, mentre la maggior parte del romanzo viene spesa nel descrivere le incomprensioni tra le protagoniste e a farci assistere prevalentemente alle loro lamentele: se per un po’ è anche piacevole, quando si arriva a pagina 150 e ancora nulla è cambiato diventa un po’ fastidioso.

Fortunatamente da pagina 200 in poi comincia ad accadere qualcosa e l’evoluzione degli eventi, nonostante fossero tutti estremamente prevedibili, è stata comunque piacevole. L’aspetto che in realtà non ho apprezzato particolarmente è stata l’atmosfera un po’ troppo perfetta: tutto accade esattamente nel momento giusto e nel modo giusto, e anche l’aura paradisiaca in cui è immerso il castello e il suo potere quasi magico di portare amore – che è un po’ il tema ricorrente del romanzo – risulta un po’ forzato per il mio animo completamente refrattario ad ogni romanticismo.

Se dal punto di vista della trama questo romanzo non risulta particolarmente avvincente (almeno per quanto riguarda i miei gusti e soprattutto le mie aspettative), non pensiate di trovarvi di fronte un romanzetto rosa da quattro soldi: lo stile della Von Arnim è ricco, curato e affascinante, le descrizioni delle ambientazioni (l’architettura del castello e le sue stanze, il giardino, i giochi di luce che riempiono il giardino di mille colori e sfumature) sono incantevoli e il romanzo meriterebbe la lettura solo per godere appieno delle splendide immagini che contiene. Sono certa che darò un’altra possibilità a questa autrice, sperando che la prossima volta mi capiti di incontrare dei personaggi un po’ più nelle mie corde.

Castello Brown di Portofino (Frank Fox, 1918) – Fonte: wikipedia

You May Also Like

7 Comments

  1. fallinbooksblog 20 Novembre 2017 at 10:18

    Ho questo libro in wishlist da tantissimo tempo. Spero di leggerlo presto e di non rimanerne delusa…

    1. La biblionauta 20 Novembre 2017 at 11:13

      Poi fammi sapere come lo troverai! 😉

  2. Little Pigo 20 Novembre 2017 at 17:44

    Già solo per le descrizioni del castello e del giardino ho voglia di leggerlo, per il resto non so, non sono riuscita a capire se mi piacerebbe oppure no o, per meglio dire, se rientra nel mio genere.

    1. La biblionauta 20 Novembre 2017 at 19:28

      É un po’ sul filo del rasoio: non é proprio un romance ma non é nemmeno qualcos’altro (come vedi anch’io ho le idee molto chiare)

  3. Toglietemi tutto, ma non i miei libri (Claudia Bergamini) 20 Novembre 2017 at 18:36

    Io mi sono innamorata della copertina appena l’ho vista! Il libro però sembra avere una narrazione che la tira troppo per le lunghe. Lo leggerei solo per le ambientazioni, sono già incantata dal castello 😀

    1. La biblionauta 20 Novembre 2017 at 19:29

      Quelle sono molto belle, ma perché lei scrive bene; é la trama che mi ha lasciata non del tutto soddisfatta.

  4. Dany 22 Novembre 2017 at 16:15

    Ciao Simo,
    ti ho nominata al Liebster Award. Passa nel mio blog a scoprire le domande 😀
    http://appuntidiunalettrice.blogspot.it/2017/11/liebster-award-2017.html

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.