The Ocean at the End of the Lane (Gdl – 3 Tappa)


Calendario Gdl:
15 Ottobre – Prologo-Cap. 04 (link al post)
16 Ottobre – Cap. 05-08 (link al post)
17 Ottobre – Cap. 09-11
18 Ottobre – Cap. 12-Epilogo

Link al gruppo su Goodreads

Ho davvero adorato questa parte, in special modo il capitolo 5 nel quale si respira un’atmosfera calda e accogliente; un’atmosfera di casa. Infatti il protagonista, che ancora non ha un nome e a questo punto credo che non lo avrà mai, giunge finalmente al termine della sua fuga disperata (è facile dimenticarsi che è solo un ragazzino di 7 anni) e arriva a casa di Lettie Hemstock talmente bagnato e infreddolito da essere davvero a rischio la sua vita. Viene quindi immediatamente spedito dalla vecchia Signora Hemstock a fare un bagno caldo, e l’atmosfera che si crea durante questo bagno è qualcosa di impagabile, credo che il romanzo meriti di essere letto solo per il tepore e il raccoglimento comunicati da questa scena.

L’ultimo capitolo di questa terza parte, invece, non ha nulla a che fare con l’atmosfera rilassata che ho descritto prima, perché ancora una volta il piccolo protagonista si trova in pericolo di vita e in una situazione piuttosto precaria. Come faranno le Hemstock a risolvere anche questa inaspettata evoluzione della storia?

– ATTENZIONE, SPOILER VAGANTI –
16. Ci sono tantissimi riferimenti culinari in questa parte, e io ho amato particolarmente quello in cui il protagonista è seduto nella vasca a mangiare la zuppa. Qualcuno di questi riferimenti ha solleticato la vostra fantasia?
Ho già risposto a questa domanda nel commento: quello che mi ha colpito di più è stata proprio la zuppa nella vasca da bagno… e la torta…

17. La vecchia signora Hempstock esegue un “taglia e cuci” e rimuove quella serata orribile. Ti è piaciuto questo concetto?
Moltissimo: faceva molto Harry Potter e soprattutto ha contribuito moltissimo all’atmosfera di quella serata così particolare.

18. They were able to get the hole out of his foot, but what about the pain he also has in his chest?
All’inizio non viene spiegata ma alla fine della parte si scopre che è un altro “pezzo” lasciato dal mostro nel corpo del bambino. Sono proprio curiosa di sapere se e come lo rimuoveranno.

19. Ho adorato la descrizione della casa degli Hempstock quando passa lì la notte. C’è qualcosa che ti ha colpito?
Si: l’aspetto antico della casa, il fatto che sembri “divisa in due”, una metà in questo mondo e l’altra chissà dove. Mi è piaciuta la luna piena perennemente visibile nella parte “notte” della casa e le scale che spariscono. In realtà nel complesso ho adorato l’atmosfera che si respira in quella casa.

20. Letti fa un fagotto di biglie, giochi e teste di bambola per il confronto con with Ursula. Cosa hai provato durante questo confronto e quando gli uccelli la divorano? Ursula dice “Non li ho mai forzati a fare nulla”. Questo significa che il padre è davvero così crudele?
Molto strano: alla fine Ursula fa davvero pena per il suo terrore e la sua incapacità di reagire. La frase ha colpito molto anche me: credo che forse Ursula annulli l’autocontrollo delle persone che sono portate così a reazioni estreme. Quante volte un genitore si deve auto-controllare quando viene portato “fuori dalla grazia di dio” dal figlio per non reagire in maniera eccessiva? Quando ti mandano fuori di matto una persona normale non sfoga con la violenza la propria rabbia, mentre una persona che ha perso i propri freni inibitori può farlo.

21. Qui ci sono una serie di citazioni che sono piaciute molto a Lisarenee:
Lettie shrugged. “Nobody actually looks like what they really are on the inside. You don’t. I don’t. People are much more complicated than that. It’s true of everybody.”

“Monsters come in all shapes and sizes. Some of them are things people are scared of. Some of them are things that look like things people used to be scared of a long time ago. Sometimes monsters are things people should be scared of, but they aren’t.”

She finds what they think they need and she tries to give it to them. She’s doing it to make the world into something she’ll be happier in. Somewhere more comfortable for her. Somewhere cleaner. And she doesn’t care so much about giving them money, not anymore. Now what she cares about more is people hurting.”

“I wondered if that was true: if they were all really children wrapped in adult bodies, like children’s books hidden in the middle of dull, long adult books, the kind with no pictures or conversations.”

Lisarenee ha commentato che l’ultima sembra un indizio a ciò che Gaiman ha fatto con il suo romanzo. Cosa ne pensi?
No, non credo: la frase parla di libri per bambini nascosti in libri per adulti, mentre qui secondo me è proprio il contrario, perché potrebbe sembrare un romanzo per bambini vista la componente magica e il fatto che il protagonista ha solo 7 anni, mentre in realtà non credo che un bambino lo apprezzerebbe. La frase comporta secondo me un significato profondo, mentre vedere il libro per bambini qui significa fare una semplificazione.

Rispondi