The Lost Symbol

Autore: Dan Brown
Serie: Professor Langdon, n.3
Editore: Anchor, 2009
Formato: Ebook

Inizio lettura: 17 giugno 2013
Fine lettura: 08 luglio 2013
Lettura n.: 25/2013
Il mio voto: ★★★☆☆

Tappe gdl:
Prima Tappa – 17-23 giugno | cap. Prologo/21
Seconda Tappa – 24-30 giugno | cap. 22/43
Terza Tappa – 01-07 luglio | cap. 44/70
Quarta Tappa – 08-14 luglio | cap. 71/94
Quinta Tappa – 15-21 luglio | cap. 95/117
Sesta Tappa – 22-28 luglio | cap. 118/Epilogo

The secret is how to die.
Since the beginning of time, the secret had always been how to die.

Ormai ultima sulla faccia della terra a non averlo ancora fatto, finalmente anch’io ho letto un libro di Dan Brown e non sono riuscita a trovare la motivazione di tutte le critiche che seguono sempre l’uscita dei suoi romanzi: sono un misto tra thriller e mistery come ce ne sono mille altri, parlano di misteri esoterici come ce ne sono mille altri e sono imperfetti, come lo sono un milione di altri… sinceramente non capisco perchè prendersela proprio con Dan Brown se non per puro e semplice snobismo letterario unito a tanta invidia per tutti i soldi che lui ha fatto e tutti quelli che lo criticano no.

In linea di massima a me il romanzo è piaciuto: l’inizio è stato un po’ lento ma poi una volta preso il ritmo non sono più riuscita a fermarmi, tanto che ho terminato la lettura con una settimana di anticipo rispetto al calendario prefissato dal gdl. Ci sono alcune incongruenze che non mi sono piaciute, soprattutto volte a concludere il romanzo assicurandosi la suspance in modo un po’ troppo approssimativo, quindi non mi sento di dare più di tre stelle, però l’intreccio della storia è bello ingarbugliato e devo ammettere che il colpo di scena al capitolo 119 proprio non me lo aspettavo (oltre al fatto che fino alla fine non sono mai stata sicura del ruolo di Sato: buona o cattiva?).

Per quanto riguarda i personaggi ho trovato davvero ben disegnati quelli di Katherine e di Mal’hak: senza dubbio i migliori. Langdon invece è stato una delusione immensa: imbranato, lento di comprendonio, con un cervello sigillato sulle sue convinzioni… e apri questa mente!! =D Davvero, durante la lettura mi ritrovavo a chiedermi se non fosse un po’ scemo!

Volontariamente non commento i contenuti storici/leggendari del romanzo semplicemente perché non sono abbastanza ferrata in materia per poter dare un giudizio sulla veridicità o meno di quanto raccontato: sicuramente non si può non rimanere affascinati dal mondo di simboli e di significati nascosti di cui Dan Brown riempie i suoi libri, ma in questo caso ciò che ha esercitato maggiormente il suo fascino su di me sono stati gli studi di Katherine sulla Neoetica che riprendono temi su cui spesso mi trovo a riflettere.

Per questo romanzo ho trovato su internet la guida di lettura per i gruppi di lettura con le classiche domande per riflettere sulla trama. Ho pensato di racchiudere le mie risposte in un spoiler per non creare un post troppo lungo. Per visualizzarle basta cliccare sul pulsante qui sotto:

Show/hide

Rispondi