Il mio 2017: un anno di letture

Ci siamo, l’anno nuovo è alle porte e come sempre è tempo di bilanci. Ho aspettato proprio all’ultimo prima di pubblicare questo post perché naturalmente c’è sempre spazio per una lettura dell’ultimo secondo e non si sa mai, potrebbe anche meritare un posto sul podio delle letture dell’anno.

Nel 2017 ho letto 88 libri per un totale di 14.057 pagine; non male, anche se non credo riuscirò mai a battere il record del 2013 con le sue 15.619 pagine.

L’abbandono dei libri è una piaga cronica, non c’è anno in cui non ne abbandoni almeno uno e quest’anno ne ho abbandonati addirittura cinque:

  • Il rifugio dei cuori solitari” di Lucy Dillon, banalissimo e noioso;
  • “Le tre pietre” di Flavia Bujor, un fantasy per ragazzi scritto da un’autrice troppo giovane (e si sente);
  • “Andarsene” di Rodrigo Hasbùn del quale non ho capito nulla e che mi ha sconfitta pur essendo sotto le 150 pagine;
  • “Il richiamo dell’angelo” di Guillaume Musso, noia, noia, noia. Ah, mi sono scordata di dire noia;
  • “Una piccola libreria di San Francisco” di Robin Sloan, l’unico del gruppo a cui darò un’altra possibilità: il libro che ho abbandonato era in inglese, ci riproverò in italiano (anche perché saranno cinquanta pagine di racconto)

E adesso, un po’ di numeri: ho letto 10 classici40 libri scritti da donne e 23 libri per ragazzi. E ancora 8 fantasy, 6 tra gialli e thriller 5 di fantascienza (in realtà solo la saga della Guida Galattica per Autostoppisti). Ho letto ben 2 libri di poesia, cosa che non facevo da una vita, e altrettante opere teatrali. Ho letto anche un sacco di racconti (ben 23 tra raccolte e racconti pubblicati singolarmente) e ho tentato di superare il mio problema con le graphic novel leggendone (una delle quale) più 2 fumetti (credo siano fumetti… non ho ancora ben capito la differenza tra le due).

Per quanto riguarda il formato ho letto 39 ebook: ormai non posso più vivere senza il mio Kobo, compagno inseparabile di ogni microscopico ritaglio di tempo. Ho poi letto 16 libri appartenenti alla mia tbr, quindi libri che avevo in libreria o sul Kobo da oltre un anno, mentre ho preso in prestito in biblioteca 17 libri.

Per quanto riguarda le saghe, ne ho iniziate 4:

  • Saga dei Cazalet, di Elizabeth Jane Howard
  • Saga di Armonia di Pietragrigia, di Angelica Elisa Moranelli
  • Serie Miss Detective, di Robin Stevens
  • A Series of Unfortunate Events, di Lemony Snicket

Ne ho proseguite due, ovvero: la “Serie dell’Ispettore Grazia Negro” di Lucarelli, “I Quattro Misteri di Fairy Oak” di Elisabetta Gnone e la “Serie di Vani Sarca” di Alice Basso. E incredibilmente ho concluso ben tre saghe:

  • Saga della Guida Galattica per Autostoppisti di Douglas Adams
  • Trilogia di Fairy Oak di Elisabetta Gnone
  • Ciclo dei Pirati di Valerio Evangelisti

E ora, gli Oscar delle mie letture!!

LIBRO PIU’ LUNGO: Gli anni della leggerezza, di Elizabeth Jane Howard (606 pagine)

LIBRO PIU’ CORTO: L’uomo nella pozzanghera, di Chicca Gagliardo (13 pagine)

SCOPERTA DELL’ANNO: Mamma torna a casa, di Paul Hornschemeier

LIBRO PIU’ BELLO: Panorama, di Tommaso Pincio

LIBRO PIù DELUDENTE: Fangirl, di Rainbow Rowell

MIGLIOR CLASSICO: Quattro coppie, di Jane Austen

GLI ALTRI LIBRI CHE CONSIGLIO ASSOLUTAMENTE TRA LE MIE LETTURE 2017:

  • Il cormorano, di Stephen Gregory
  • Il libro dei viaggi nel tempo, di Johnny Acton
  • Saga dei Cazalet, di Elisabeth Jane Howard
  • Saga di Armonia di Pietragrigia, di Angelica Elisa Moranelli
  • L’uomo nella pozzanghera, di Chicca Gagliardo

E voi, avete fatto il punto sul vostro 2017? Lasciatemi il link ai vostri post oppure scrivetemi nei commenti i libri più entusiasmanti e quelli più deludenti dell’anno appena trascorso.

‘Panna nel Grande Giardino’ di Carlotta De Melas e Miss Cecip Art

Lo giuro, davvero: da gennaio riprendo a parlare di libri “da grandi”, ma oggi permettetemi di dare spazio ad una storia per bambini che ho trovato molto tenera e colorata, e che ho conosciuto grazie alla sua illustratrice.

La piccola Panna vive con la sua famiglia nel Grande Giardino, tra i petali di un Tulipano Rosa che fa loro da casa: i membri della famiglia Romuà hanno infatti la particolarità di essere molto, molto piccoli. Il giorno del compleanno di mamma Romuà, Panna è a casa da scuola, e disobbedendo ai genitori si avventura nel Grande Giardino alla ricerca di un regalo per farle una sorpresa. Il Grande Giardino è però un luogo pericoloso e lungo la strada Panna incontrerà alcuni amici ma vivrà anche una brutta avventura.

Leggere questo libro mi ha molto divertito: la scrittura è davvero a misura di bambino, molto tenera e ricca di dettagli affascinanti che la rendono una lettura agevole per i più piccoli ma allo stesso tempo coinvolgente. A renderla ancora più avvincente ci sono le illustrazioni di Miss Cecip Art, alcune delle quali sono davvero molto belle e tutte caratterizzate da colori luminosi e vividi e che decorano tutte le pagine del libro: non ci sono infatti solo le illustrazioni a tutta pagina, ma ogni riquadro di testo è decorato da un’illustrazione, alcune delle quali mostrano delle piante presenti nel Grande Giardino, accompagnate da una didascalia divertente che ne illustra l’uso un po’ magico che ne fa il Piccolo Popolo. Questo rende la lettura molto divertente perché permette di esplorare il libro non solo per leggere la storia ma anche andando alla ricerca di queste piante tra le sue pagine, come in un piccolo, magico erbario.

[copia pdf ricevuta dalle autrici]

Comprare libri online: non esiste solo Amazon

Come tutti saprete, prima di Natale è scoppiato il caso Edizioni E/O: attraverso un comunicato stampa la casa editrice ha spiegato il suo rifiuto di accettare le condizioni economiche estremamente gravose imposte dal colosso delle vendite online per rendere disponibili i loro libri sullo store. La casa editrice romana non è certo la prima a scontrarsi con la piattaforma: c’era stato l’anno scorso l’allontanamento da parte di Babalibri e mi viene in mente anche quanto era successo ormai quattro anni fa con le edizioni Hachette.

Come sempre gli schieramenti sono ben divisi: c’è chi pensa che un consumatore si debba preoccupare solo di ricevere il miglior prezzo per la qualità del prodotto che acquista e chi ritiene che i consumatori debbano valutare ciò che acquistano e fare scelte consapevoli sulle conseguenze della loro azione di acquistare. Spoiler: io la penso come i secondi e da qualche tempo sto cercando di comprare in maniera più consapevole, riflettendo su quello che acquisto. Questo significa che ho smesso di comprare su Amazon? No, credo che Amazon sia molto utile in certe situazioni, ad esempio quando abbiamo bisogno di trovare un prodotto particolare, di difficile reperibilità sia online che offline, oppure in caso di urgenza. Questo Natale ho ricevuto un buono acquisto da spendere su Amazon, di certo non lo butto via, ma sono ormai parecchi mesi che cerco anche delle alternative e ho pensato di condividere con voi le mie scoperte.

Gli store online delle case editrici

Forse sembrerà banale, ma andare a spulciare i siti internet delle vostre case editrici preferite o che vi incuriosiscono potrebbe rivelare delle sorprese: ormai sono tantissime le case editrici che hanno uno store online interno al proprio sito attraverso il quale vendono le proprie pubblicazioni e in moltissimi casi c’è la possibilità di avere la spedizione gratuita, spesso senza nemmeno un limite di spesa (o con un limite che rientra comunque nel costo di un singolo libro). A volte inoltre potreste trovare degli ottimi sconti: giusto nei giorni prima di Natale ho acquistato un libro di una casa editrice indipendente che per una settimana ha applicato uno sconto del 25% su tutto il catalogo e ho pagato 13,50 euro un libro che ne costava 18,00. Certo, ci vuole un minimo di pazienza: invece di arrivarvi il giorno successivo, l’acquisto vi arriverà nel giro di una, massimo due settimane (dipende dalla casa editrice o dal periodo). Ma abbiamo veramente bisogno di ricevere tutti i libri il giorno successivo all’acquisto?

Goodbook.it

Quella di Goodbook.it è una bellissima idea che unisce la comodità dell’acquisto online all’esperienza in libreria. Voi prenotate il vostro libro sul sito, scegliete una delle librerie aderenti e andate lì a pagare e ritirare il vostro acquisto. Niente spedizioni, concentrare gli acquisti sul territorio con quindi un minor impatto ambientale e supportare la microeconomia locale: questi sono gli obiettivi alla base dell’iniziativa. Io personalmente non l’ho ancora provato ma è da un po’ che ci giro intorno e prima o poi lo testerò.

Librerie reminders

Sappiamo tutti cosa sono i Reminders: libri nuovi che provengono da fondi di magazzino, fuori catalogo, ecc. che vengono venduti con uno sconto in genere superiore al 40%. Online si trovano dei siti specializzati come bookweb.it o libribook.com. Non si troveranno le ultime uscite ma si possono recuperare chicche interessanti.

Eprice.it

Anche in questo caso, non ho mai provato ad acquistare su Eprice ma mi ha incuriosito il funzionamento: oltre alla classica consegna tramite corriere offre la presenza sul territorio di una serie di Punti Ritiro in cui potete recarvi a ritirare il vostro acquisto e pagare alla consegna. Esistono anche punti di ritiro automatici in cui non è possibile il pagamento (che deve quindi per forza essere effettuato online al momento dell’acquisto) ma che permettono di ritirare i prodotti in totale autonomia. Sul sito parlano di 134 Punti Ritiro fisici (cioè con una persona presente) e oltre 293 Punti automatici. La presenza è capillare al nord, non ampissima al sud anche se le aree principali sono coperte.

Per gli ebook c’è Bookrepublic.it

Quando ho scoperto Bookrepublic, che si definisce una “libreria online indipendente” e già questo mi piace, mi si è aperto un mondo. Il sito è organizzatissimo e può essere navigato in maniera estremamente varia: oltre alla tradizionale ricerca per categorie di “genere”, vi sono dei percorsi di lettura consigliati secondo diverse tematiche sempre aggiornate, un’area dedicata agli ebook gratuiti e la mia sezione preferita, ovvero l’elenco delle case editrici.

Gli altri store online

Personalmente quando voglio acquistare più libri di diverse case editrici la mia base di appoggio è ibs.it: è un sito facilmente navigabile, offre tanti sconti (spesso migliori di quelli di altri siti perché di breve durata, dei quali bisogna quindi approfittare subito, come era accaduto quest’estate per la promo Fazi con cui mi sono portata a casa tutta la saga dei Cazalet). Inoltre mi piace molto il programma Premium che funziona come tutti i programmi fedeltà di tutte le aziende: più acquisti fai, più vantaggi hai, ma nessuno ti punisce in alcun modo se non utilizzi il servizio (perché vogliamo parlare del fatto che Amazon ti “obbliga” ad avere Prime altrimenti il tempo di arrivo delle spedizioni oscilla tra ‘prima o poi’ e ‘mai’?). Non c’è solo ibs.it, naturalmente: quasi tutte le librerie di catena possiedono un negozio online e generalmente il meccanismo di funzionamento è sempre lo stesso. In ogni caso, il fatto che sui siti di moltissime case editrici che non possiedono shop online l’unica libreria consigliata per l’acquisto è ibs (anche quando i loro libri sono presenti su Amazon e su altre piattaforme) mi fa ritenere che sia la forma di acquisto per loro migliore.

Conoscete altri store online in cui acquistare libri? Avete provato qualcuno dei servizi che ho scovato e come vi siete trovati? Fatemi sapere, mi piacerebbe poter creare una lista ampia e completa di negozi di libri online, che possa essere utile a chi cerca delle alternative.

Segnalazione | Le regole per essere felici in amore, di Angelica Elisa Moranelli

Cari lettori, buongiorno! Vi sembrerà forse strano trovare su questo blog la segnalazione di un romanzo di genere romance ma si tratta di un caso un po’ particolare: Le regole per essere felici in amore è infatti la prima storia di genere romance scritta da Angelica Elisa Moranelli, blogger su The Queen Puppet, youtuber sul canale Tea, Books and Rock’n’Roll ma soprattutto autrice della miglior sorpresa del mio 2017, ovvero la saga di Armonia di Pietragrigia il cui primo volume La Compagnia della Triste Ventura ho recensito poche settimane fa qui sul blog, mentre la recensione del secondo arriverà a breve, probabilmente la prossima settimana (e poi per un po’ basta, sennò iniziate a pensare che mi stia stipendiando 😀 😀 ).

Questa è proprio la ragione per cui ho deciso di segnalarvi l’uscita di questo libro: dopo due romanzi letti posso dare per assodato che la scrittura di Angelica mi piace moltissimo essendo fluida, appassionante e molto ironica; i suoi libri sono estremamente curati e nulla, dalle virgole alla copertina, è lasciato al caso; per questo se vi interessa il genere romance/chick-lit, credo proprio che potreste trovare interessante questo suggerimento. E potrei farci un pensierino anch’io…

«Nessuno, neanche il topo di fogna più schifoso del pianeta, può lasciarti a una manciata di giorni dal Natale…Giusto?»

TITOLO: Le regole per essere felici in amore (entro Natale)
AUTORE: Angelica Elisa Moranelli
SERIE: Dafne & l’Amore #1
PREZZO: cartaceo 8 € | ebook 0.99 €

IL LIBRO: Dafne, 27 anni, vive in un’anonima e indefinita cittadina italiana, lavora (sottopagata) per un’agenzia di comunicazione e vorrebbe diventare una scrittrice. Mollata dallo storico fidanzato a soli venti giorni dal Natale, Dafne si mette in testa di trovare l’Uomo della Sua Vita in tempo per il cenone di Natale. Il problema è che l’uomo ideale per Dafne è un incrocio tra Mr Darcy e una rockstar: insomma, non esiste. Sboccata, imbranata e irresistibile, Dafne si ritroverà a spiare il suo ex su Facebook, a partecipare a noiosissimi appuntamenti al buio, a essere trasportata ubriaca a casa dall’onnipresente Jim e in una serie di situazioni paradossali che svelano il lato più comico e folle dell’amore.

ACQUISTO
Cartaceo: http://amzn.to/2hFvkXV
Ebook: http://amzn.to/2jumoFb

SCARICA IL PRIMO CAPITOLO GRATIS

 

5 regali per amanti della lettura

Ma… è già venerdì? Questa settimana è stata davvero strana, ho perso del tutto la cognizione del tempo e il blog è anche stato parecchio inattivo. Il tema della rubrica “5 cose che…” di oggi riguarda sempre i regali di Natale, ma in questo caso non vi suggerirò titoli di libri: oggi si parla di regali per amanti della lettura!!

Ebook reader

Ebbene sì, ad un amante della lettura io regalerei un ebook reader (se avessi i soldi, naturalmente! ^_^): che sia Kobo, Kindle o di altre marche poco cambia in realtà, l’importante è che abbia l’illuminazione incorporata. Il Kobo è stato per me davvero rivoluzionario, ha completamente cambiato la mia vita di lettrice, e se all’inizio lo snobbavo perché: «Ma vuoi mettere la carta??», adesso non ne potrei più fare a meno.


Luce da lettura a clip

Se il destinatario del vostro regalo continua comunque a preferire la carta, o se semplicemente volete cavarvela con poco, le lucine da lettura sono incredibilmente utili: costano pochissimo, funzionano a batteria e hanno una clip che permette di attaccarla alle pagine (rendendola tra l’altro anche un ottimo segnalibro) così da poter sfogliare il vostro romanzo in comodità.


Segnalibri

by OneYellowGallery (cliccare per visualizzare)

Sempre per chi cerca un regalo poco costoso, il segnalibro è un’ottima risorsa. Nelle librerie Feltrinelli o Mondadori vendono quelli già bellissimi della Legami, ma quelli più belli li trovate su Etsy. Se poi al contrario di me siete abili e creativi sono anche un ottimo regalo da confezionare da soli, così da poter donare qualcosa di unico perché fatto con le nostre mani.


Gadget a tema libresco

by missbohemia (cliccare per visualizzare)

Anche in questo caso, Etsy viene in nostro soccorso: addirittura quest’anno è stata creata una pagina apposta che raccoglie tutti gli oggetti artigianali per amanti dei libri. Si va dalle stampe da appendere ai gioielli, dalle decorazioni per la casa ai vestiti. E per chi è proprio fissato con un particolare libro o serie di libri, è naturalmente pieno zeppo di gadget tematici. C’è da perderci la testa!


Gift card da spendere in libreria

Forse il regalo universalmente più apprezzato perché permette al lettore di scegliere cosa comprare: personalmente adoro le gift card e non mi interessa se sono fredde, perché lo è anche un regalo non pensato e che è stato palesemente scelto a caso. Ci sono anche delle case editrici indipendenti che vendono dei pacchetti abbonamento alle loro uscite, come la NNEditore: se il vostro lettore apprezza, anche quello potrebbe essere un ottimo regalo!

CARTAGENA. GLI ULTIMI DELLA TORTUGA, Valerio Evangelisti

Buongiorno Biblionauti e buon lunedì, oggi concludo il recupero delle letture estive parlandovi di un romanzo che aspettavo di leggere da moltissimo tempo ma per il quale, nonostante fosse da almeno tre anni nella mia libreria, non riuscivo mai a trovare il momento giusto: sto parlando di Cartagena. Gli ultimi della Tortuga di Valerio Evangelisti, con la lettura del quale sono finalmente riuscita a concludere il Ciclo dei Pirati.

Le vicende narrate in Cartagena si svolgono nel 1697: la pirateria come l’avevamo conosciuta nel primo volume, Tortuga, è ormai in decadenza e i pirati, persa la loro indipendenza, sono al soldo dei grandi imperi coloniali. La Cartagena del titolo è una città di dominio spagnolo che si trova oggi nell’attuale Colombia e della quale seguiremo l’assedio e la distruzione – realmente avvenuti e portati avanti dalle forze unite dell’esercito regolare francese, pirati e bucanieri – attraverso gli occhi del protagonista, Martin d’Orlhac. Come sempre il buon Evangelisti non ci farà mancare scene cruente ma anche battaglie coraggiose e rischiosi arrembaggi. E come sempre non sarà possibile non tifare per i pirati, nonostante la loro proverbiale ferocia.

Il libro è avvincente e ben scritto e l’ambientazione e il realismo storico sono come sempre curatissimi ed estremamente affascinanti; come avrete capito, quest’ultimo capitolo della trilogia mi è piaciuto molto e ha soddisfatto tutte le mie aspettative, portandomi anche un colpo di scena finale perfetto per i nostalgici della saga.

L’unico difetto, o meglio, l’unica possibile critica che si può muovere ad Evangelisti è che sotto il profilo della trama ricorre bene o male lo schema già visto nei volumi precedenti e non si ha modo di restare eccessivamente stupiti dall’evolversi degli eventi; devo anche dire che per quanto mi riguarda amo così tanto questi pirati che non mi ha dato nessun tipo di fastidio ma è stata anzi una lettura che ho letteralmente divorato.

Se devo dare un parere complessivo sulla saga, per me Tortuga rimane sempre e comunque il migliore dei tre, specie per merito dei due personaggi più affascinanti, ovvero il Capitano de Grammont e Lorencillo, che nei volumi successivi restano confinati nell’ambito dei ricordi o di brevi comparse: quelli di Tortuga sono i pirati al massimo del loro splendore e consiglio la lettura di quel romanzo a tutti gli amanti di queste affascinanti figure storiche. Cartagena, così come il secondo volume – Veracruz, è un po’ meno d’impatto e potrebbe convincere meno chi non apprezza più di tanto la scrittura dell’autore: io personalmente consiglierei comunque tutta la trilogia.

5 LIBRI CHE REGALEREI

Ci siamo!! Natale ormai è vicino e il blog si prepara a tingersi di rosso e oro (metaforicamente, eh! Col cavolo che ribalto tutta la grafica per poi levare tutto venticinque giorni dopo)

Ho impiegato un po’ di tempo per tirare fuori dalla mia libreria di Goodreads i titoli da inserire in questa puntata: inizialmente avevo pensato a libri che realmente regalerei, perché magari molto noti oppure abbastanza “neutri” da poter accontentare un po’ tutti i gusti. Poi ho pensato che in realtà i libri che io davvero vorrei regalare sono libri che probabilmente non regalerò mai a causa del messaggio troppo grande che portano dentro di sé e che li rende dei doni estremamente impegnativi.

“Cecità” di José Saramago

Nella chiusura della recensione di questo romanzo che ho pubblicato qui sul blog avevo scritto che se fosse per me, proporrei di distribuirlo gratuitamente per strada, alle fermate degli autobus, al casello dell’autostrada, in stazione, ovunque, perché costringe a mettersi in discussione e a rendersi conto che forse non c’è bisogno di un’epidemia di cecità per far piombare l’umanità nella barbarie dell’egoismo. So che autocitarsi non è proprio il massimo ma non saprei quali altre parole utilizzare per esprimere lo stesso identico concetto. Cecità è un libro che regalerei a chiunque, non perché vada bene per tutti, ma perché tutti dovrebbero leggerlo.

 


“Momo” di Michael Ende

L’importanza di ascoltare gli altri, dell’empatia e dell’usare bene il nostro tempo dedicandolo alle cose veramente importanti della vita sono forse i temi principali di questo libro bellissimo ad opera di un autore che mi strega ogni volta che leggo un suo romanzo. Momo è un libro profondissimo travestito da favola per bambini e mi ha sempre ricordato un po’ Matrix, sia per la presenza dei signori grigi che mi ricordano gli Agenti, sia per l’illusione su cui si basa il romanzo, che qui è limitata al tempo mentre in Matrix tocca più in generale la realtà che sta davanti ai nostri occhi. Ho letto Momo davvero tanto, troppo tempo fa, e fa parte dell’altra mia wishlist, quella dedicata ai libri che vorrei prima o poi rileggere.


“Lo zaino di Emma” di Martina Fuga

A proposito di empatia, il primo passo per mettersi nei panni degli altri è quello di conoscerli, conoscere le realtà che ci sono lontane e i libri sono un modo fantastico per avvicinarci a ciò che nella nostra vita quotidiana non abbiamo modo di incontrare. Lo zaino di Emma è entrato nella mia vita quasi per caso e mi ha aperto una finestra nuova, su una realtà con cui non avevo mai avuto modo di confrontarmi prima. E non è necessario essere genitori per comprendere le parole di Martina, mamma di Emma, affetta dalla sindrome di Down, mentre ci racconta la sua vita e quella della sua famiglia. Se volete saperne di più ho parlato di questo libro anche in questo post.


“Dimentica il mio nome” di Zerocalcare

Forse l’opera più introspettiva e poetica di Zerocalcare: alla morte della nonna, Zero scopre alcuni segreti sulla sua famiglia che lo portano a rivalutare molte delle sue certezze e la graphic novel è un viaggio nella sua storia e nei suoi ricordi alla ricerca di un’identità in parte da ricostruire.

Sempre contraddistinto dalla sua ironia ma molto più malinconico rispetto ai libri precedenti, Dimentica il mio nome è forse uno dei libri più “regalabili” tra quelli di questo elenco ma lo è sicuramente meno rispetti agli altri della produzione dell’autore.

 


“Dovremmo essere tutti femministi” di Chimamanda Ngozi Adichie

Questo libro è il regalo che conservo per me stessa: è infatti l’unico della lista che ancora non ho letto nonostante io creda sia una delle letture più importanti da fare in questo momento storico che sta finalmente vedendo la nascita di un nuovo percorso nelle questioni di genere e soprattutto il riconoscimento di un problema, cosa su cui fino ad ora si era sempre preferito tenere gli occhi chiusi. La strada è lunghissima, ma il primo passo è sempre quello più importante. Mi regalerò questo libro per Natale e mi piacerebbe regalarlo alle donne e agli uomini che conosco e amo.

 


Questi sono i cinque libri che regalerei, se li avete letti o se vi incuriosiscono fatemelo sapere e raccontatemi quali libri voi vorreste regalare a tutti questo Natale.

TBR pile di Dicembre

Dicembre è il mese delle liste per eccellenza: liste per Babbo Natale (o chi per lui), liste della spesa per la Vigilia, il Pranzo, Santo Stefano (si, ok, si mangiano gli avanzi, ma almeno una ricettina semplice semplice gliela la vorrai riservare, no?) e per Capodanno, liste dei regali da fare ad amici e familiari, lista degli addobbi da comprare perché c’è sempre qualcosa che si rompe, insomma, liste ad ogni angolo. Aggiungerne una non fa di certo male, no? Come sempre, se anche voi siete dei listomani fatemi sapere cosa pensate di leggere nei prossimi trentuno giorni.

I LIBRI

“QUATTRO COPPIE” di JANE AUSTEN

Gli scritti giovanili di Jane Austen sono raccolti in tre volumi scritti tra il 1787 e il 1793, ovvero quando l’autrice aveva dai dodici ai diciotto anni. L’unico aspetto che accomuna i materiali altrimenti eterogenei è l’estro creativo di una Jane Austen ancora ragazzina che si diverte a giocare con le proprie letture. Tratti dal primo volume, questi quattro romanzi brevi intrecciano con grazia e ironia altrettante storie d’amore, più o meno a lieto fine.

 


“LA LOTTERIA” di SHIRLEY JACKSON

Il racconto di Shirley Jackson intitolato La lotteria ricorda da vicino, per la fama che lo circonda, la famigerata lettura radiofonica della Guerra dei Mondi di Orson Welles. Fama non immeritata, giacché la pubblicazione sul “New Yorker”, nel 1949, scatenò un pandemonio. Molti lo presero alla lettera, reagendo all’istante e poi per lungo tempo con missive indignate o atterrite alla redazione. Certe cose non potevano, non dovevano succedere. Eppure la storia si presenta in tutta innocenza quale pura e semplice descrizione della lotteria che si svolge nell’atmosfera pastorale, quasi idilliaca, di un villaggio del New England in un luminoso mattino di giugno, come ogni anno da tempo immemore. Ma giunto al termine di questo racconto, come degli altri che compongono l’intensa silloge qui proposta, il lettore scoprirà da sé, in un crescendo di “brividi sommessi e progressivi” – come diceva Dorothy Parker – che cosa li rende dei classici del terrore. Secondo un altro illustre ammiratore della Jackson, oltre che maestro del genere, Stephen King, lo sono perché “finiscono con una svolta che porta dritto in un vicolo buio”.


“IL LIBRO DI NATALE” di SELMA LAGERLÖF

Il Natale con le sue leggende, il buio dell’inverno svedese, il calore delle storie accanto al fuoco, la nostalgia di antichi ricordi, l’immensità della natura, ma anche la piccola dose di crudeltà tipica della tradizione delle fiabe popolari sono le atmosfere che si respirano negli otto magistrali racconti della narratrice svedese Selma Lagerlöf, Premio Nobel 1909, “la più grande scrittrice dell’Ottocento”, secondo Marguerite Yourcenar. L’incipit da c’era una volta risveglia l’incanto delle storie dell’infanzia, ma basta un incontro inatteso, un gesto, una parola perché ci sia un piccolo scatto, una deviazione: dal mondo delle fiabe si passa a quello degli uomini, resi più umani da quel lampo d’illuminazione. Un regalo sbagliato che apre le porte a una nuova conoscenza, un’intuizione metafisica evocata da una modesta trappola per topi, un segno divino custodito nel foro di un proiettile in un teschio: c’è sempre una fede che fa da leva all’immaginazione, e questa, spesso, a una redenzione. Il tono è solo apparentemente ingenuo, è un trucco del mestiere di un’artista che sa trasformare il folklore delle tradizioni nordiche in storie senza tempo di grande e semplice profondità. Perché è la complessità che si nasconde dietro la normalità a interessarle, la ricca varietà della vita, e la buona novella che c’è sempre un destino diverso che aspetta chi lo vuole cercare. Anche in un libro regalato a Natale.


“THE REPTILE ROOM/LA STANZA DELLE SERPI” di LEMONY SNICKET

La vicenda di questo libro può apparire lieta all’inizio, con i ragazzi Baudelaire in compagnia di alcuni rettili molto interessanti e di uno zio svampito, ma non lasciatevi ingannare. Se avete sentito parlare degli sfortunati ragazzi Baudelaire, sapete già che anche eventi gradevoli possono condurre sulla via della sventura. Infatti, nelle pagine seguenti i ragazzi si imbattono in un incidente d’auto, un tanfo acre e pesante, un serpente letale, un lungo coltello, una grande lampada a stelo in ottone e la ricomparsa di una persona che speravano di non rivedere mai più.


“GLI INCANTEVOLI GIORNI DI SHIRLEY” di ELISABETTA GNONE

È finalmente primavera a Fairy Oak ma sono interminabili giorni di pioggia. Ben presto, però, un nuovo intricato mistero solleverà gli animi del villaggio: uno strano ricettario, trovato da Shirley nel laboratorio di sua zia, fa cenno al Segreto del Bosco! Determinata a scoprire la verità, Shirley coinvolgerà l’intera Banda del Capitano in sublimi incantesimi e mirabolanti avventure. Nessuno si tirerà indietro e ognuno darà prova di grande coraggio. Sarà pericoloso, i ragazzi lo sanno, ma ciò che vedranno e impareranno li ripagherà di ogni ferita e paura. Per sempre.


“IL TEMPO DELL’ATTESA” di ELIZABETH JANE HOWARD

È il settembre del 1939, le calde giornate scandite da scorribande e lauti pasti in famiglia sono finite e l’ombra della guerra è sopraggiunta a addensare nubi sulle vite dei Cazalet. A Home Place, le finestre sono oscurate e il cibo inizia a scarseggiare, mentre una nuova generazione prende le fila del racconto. Louise realizza il sogno della recitazione e nel frattempo incontra colui che diventerà suo marito, Polly non fa che pensare a se stessa, e Clary si guadagna tutta la nostra comprensione quando rifiuta di credere alla morte dell’amato padre e attende il suo ritorno. Mentre le ragazze aspettano di poter proseguire le proprie vite per diventare finalmente adulte, l’intera famiglia Cazalet è in attesa, in quegli anni difficili dell’inizio della guerra, in cui nessuno sa quando la vita tornerà quella di prima.

‘La Compagnia della Triste Ventura’ di Angelica Elisa Moranelli

Cosa vi succede se pronuncio la parola “autopubblicato”? Vi vengono le pustole? Siete assaliti da un’improvvisa nostalgia per le care virgole e gli amati congiuntivi? La testa vi si riempie di copertine improbabili, con addominali maschili che sfumano su un mare notturno conducendovi alla pazzia? Vi capisco perché succede anche a me, ma sappiate che ho una medicina per il “mal da self” e questa medicina si chiama Armonia di Pietragrigia.

Art by Stanislav V. Plutenko

La Compagnia della Triste Ventura è il primo volume di una saga (pentalogia per l’esattezza e l’ultimo volume è in fase di pubblicazione) fantasy per ragazzi che segue le avventure di Armonia, una quattordicenne annoiata e stufa marcia della sua banale e fin troppo tranquilla quotidianità nella città di Prugnasecca. Quando improvvisamente la sua vita viene messa in pericolo da una coppia di fattucchiere piuttosto imbranate, Armonia scopre di appartenere ad un altro mondo, il magico regno di Flavoria, di essere destinata a grandi cose ma soprattutto di essere inseguita da due temibili nemici.

La Compagnia della Triste Ventura possiede tutti gli ingredienti della migliore narrativa fantasy per ragazzi: innanzitutto ci sono i personaggi, bizzarri e dai nomi buffi che si rendono protagonisti di siparietti davvero esilaranti. Poi c’è il ritmo incalzante: ogni capitolo si conclude con un colpo di scena, non c’è proprio possibilità di annoiarsi, e le avventure sono una più appassionante dell’altra. È davvero impossibile non farsi trascinare dagli eventi e soprattutto non rimanere affascinanti dal worldbuilding (pure i termini tecnici) di questo romanzo: il mondo di Flavoria è ricchissimo di ambientazioni dettagliate e particolari, c’è davvero una cura per la costruzione dell’ambientazione che rende ogni luogo descritto dall’autrice ricco di dettagli, proprio come accade con i personaggi. Questi sono infatti uno dei punti forti della storia: pur essendo tanti è impossibile perdersi dei pezzi o fare confusione perché ciascuno di loro ha una propria personalità e una propria “voce” ben definita. Sono strani, simpatici (i dialoghi mi hanno divertito moltissimo) e memorabili.

Trattandosi di un self, poi, non posso non rendere merito al bellissimo lavoro “tecnico” fatto dietro a questo libro: editing, impaginazione, veste grafica, tutto è perfetto e professionale, niente “raffazzonate” (come direbbe mia nonna), nessuna improvvisazione. Questo è un LIBRO, vero, pronto per essere esposto sullo scaffale di una libreria e sì, ammetto che non me lo aspettavo, avendo finora avuto quasi sempre una pessima esperienza con il self-publishing.

E se queste sono le premesse, il mio viaggio a Flavoria si prospetta entusiasmante!

 

‘Un infausto inizio’ di Lemony Snicket

If you are interested in stories with happy endings, you would be better off reading some other book.

The Bad Beginning, by Karl James Mountford (Instagram: @karljmountford)

Un infausto inizio (o The Bad Beginning in originale) racconta, come dice il titolo, l’inizio delle disgraziate avventure dei fratelli Baudelaire: Violet, la maggiore, ha la passione per le invenzioni e la caratteristica di legare i suoi lunghi capelli quando sta elaborando una delle sue idee geniali. Klaus è un appassionato lettore, conosce un sacco di cose ed è un gran pensatore. Infine c’è Sunny, ancora troppo piccola ma non priva di una sua caratteristica peculiare: con i suoi dentini affilati sa farsi rispettare ed è una gran chiacchierona, sebbene nessuno ancora capisca quello che dice. Quando i tre fratelli restano improvvisamente orfani a causa di un inspiegabile incendio che ha distrutto la loro casa, vengono spediti da un misterioso parente, il Conte Olaf, che si dimostra subito intenzionato ad impossessarsi della loro enorme fortuna. Andati a vuoto tutti i tentativi di cercare aiuto dagli adulti, che non daranno mai loro ascolto, i giovani Baudelaire dovranno sfoderare tutte le loro abilità per poter battere la malvagia furbizia del Conte e sfuggire alle sue grinfie.

L’intera vicenda è narrata da Lemony Snicket, che si può a pieno titolo considerare il quinto protagonista di questa storia e che rappresenta anche la ragione primaria dell’unicità della serie: la voce di Lemony ci accompagna commentando con uno humour nero tutto particolare le avventure dei Baudelaire e ci ricorda sempre, anche quando crediamo che finalmente la sorte stia per mostrare un po’ di benevolenza per i piccoli orfani, che le loro disgrazie non sono finite. La genialità di questo libro sta infatti nell’affrontare con i ragazzi temi che generalmente sono considerati tabù dagli adulti, che ci si sforza in tutti i modi di escludere dalla vita dei bambini, ottenendo soltanto di non prepararli mai a ciò che la vita potrebbe presentare loro: in questo libro si parla di dolore, di solitudine, di paura, della morte e questi argomenti sono trattati in modo naturale, leggero e pienamente in linea con lo scopo della serie, cioè divertire portando però dei contenuti molto importanti.

It is useless for me to describe to you how terrible Violet, Klaus, and even Sunny felt in the time that followed. If you have ever lost someone very important to you, then you already know how it feels, and if you haven’t, you cannot possibly imagine it.

“The Bad Beginning, or Orphans!” Art by Brett Helquist

Ho apprezzato moltissimo anche l’assenza di stereotipi che caratterizza questo romanzo: è Violet, una ragazza, ad essere l’inventrice e l’appassionata di meccanica. Klaus porta gli occhiali e ama i libri ma è tutto tranne che un secchione sfigato (e senza di lui le cose si sarebbero messe molto male). Infine, un aspetto che mi ha riempito di entusiasmo è il fatto che leggendo questi libri si arricchisce veramente il proprio vocabolario e la propria conoscenza. Ad esempio, riconoscerete subito un bambino che ha letto Una serie di sfortunati eventi perché sarà in grado di spiegarvi il significato dell’espressione latina “in loco parentis” e questo aspetto si rivela utilissimo anche per noi lettori più adulti che ci approcciamo alla serie in lingua originale, come ho fatto io, perché ci insegna moltissimi nuovi vocaboli senza nemmeno doversi scomodare per sfogliare il dizionario.

In the time since the Baudelaire parents’ death, most of the Baudelaire orphans’ friends had fallen by the wayside, an expression wich here means “they stopped calling, writing, and stopping by to see any of the Baudelaires, making them lonely”. You and I, of course, would never do this to any of our grieving acquaintances, but it is a sad truth that when someone has lost a loved one, friends sometimes avoid the person, just when the presence of friends is most needed.

The Bad Beginning è l’avvio di una saga che ha tutte le carte in regola per entrare nella mia classifica dei romanzi del cuore e nei prossimi mesi mi dedicherò alla lettura dei volumi successivi.