Pacific Rim

 Pacific Rim
regia di Guillermo Del Toro

Trama

Da una breccia inter-dimensionale creatasi nel profondo dell’Oceano Pacifico emergono i Kaiju, mostri alieni giganteschi, con il solo scopo di cancellare l’umanità dalla faccia della Terra. Al fine di sopravvivere, le varie nazioni uniscono le proprie forze, cercando di contrastare l’invasione con il progetto Jaeger, che consiste nella creazione di enormi robot in grado di combattere ad armi quasi pari i terribili invasori; a comandarli due piloti, le cui menti vengono connesse da un ponte neuronale. Dopo aver perso il proprio fratello e co-pilota in un conflitto e aver lavorato alla costruzione di una muraglia di difesa, Raleigh Becket sembra essere l’ultima risorsa per sventare una vera apocalisse.
(da mymovies.it)

Commento

La prima cosa da dire è che finalmente il 3D serve a qualcosa: per la prima volta mi sono trovata davanti ad un film in cui il 3D non è un accessorio inutile fatto solo per aumentare di 1 euro il prezzo del biglietto ma è veramente parte integrante della pellicola perchè non ci sono solo alcuni dettagli che escono dallo schermo ma ogni scena del film è interamente tridimensionale. Solo per questo motivo meriterebbe di essere visto, è naturale però che deve piacere il genere, visto che nel complesso la storia è sempre la stessa: l’eroe tormentato è l’unica speranza per questo mondo e per sconfiggere i mostri deve pestare forte.

Nonostante alcuni “nonsense” (ad esempio non mi spiego la totale assenza di forze militari a supporto degli Jaeger che sono lasciati completamente soli ad affrontare i Kaiju, oppure ho trovato piuttosto ridicola l’affermazione che i Kaiju fossero già venuti in esplorazione sul nostro pianeta nel passato e che fossero i dinosauri… potevano anche risparmiarsi una scemenza del genere, considerando soprattutto che ai fini della trama è perfettamente inutile) il film è piacevole e tiene davvero incollati allo schermo. In più utilizza degli effetti speciali spettacolari: i combattimenti tra Kaiju e Jaeger sono incredibili. Una scena però mi è piaciuta in modo particolare: si tratta del ricordo di infanzia di Mako, quando la bambina perde i genitori in un attacco kaiju e si aggira disperata e terrorizzata per le strade di una Tokyo completamente distrutta, inseguita da un gigantesco Kaiju. Davvero angosciante, in più la bambina che la interpreta è così tenera (e il 3D così perfetto) che si sente il bisogno di tendere le braccia e portarla via dal film.

Nel complesso, un film che sicuramente merita di essere visto al cinema, anche se non lo farei rientrare nella lista degli imperdibili.

1 commento

  1. Mi incuriosisce tantissimo questo film! A dire il vero all'inizio l'avevo totalmente snobbato, ma poi ho scoperto che la trama è in pratica la rivisitazioen dei vecchi anime giapponesi coi robot, solo con tanti effetti speciali in più… insomma, m'è proprio venuta voglia di vederlo! Il tuo commento mi invoglia ancora di più! Se arriva nella mia città vado di sicuro!

Rispondi